La cultura è lavoro: la SLC CGIL di Taranto chiede l’apertura di un confronto sul settore

Condividi
Abbiamo letto qualche giorno fa una nota stampa nella quale un gruppo consiliare lanciava un’iniziativa in Consiglio Comunale sulla cultura.
Come SLC CGIL di Taranto riteniamo che a Taranto sia un punto fondamentale,per il rilancio non solo economico ma anche sociale della città, rilanciare con tutti i soggetti interessati il settore della cultura.
E come sindacato vogliamo giocare il nostro ruolo,confrontandoci con tutte le parti interessate,comprese istituzioni,associazioni e strutture culturali e dello spettacolo.
I temi da affrontare sono tanti:dalla costituzione di una rete sul territorio di tutti i soggetti del settore,all’utilizzo e destinazione dei fondi pubblici,a sostenere che quello della cultura può essere un settore che potrebbe contribuire al rilancio di Taranto,dando occupazione vera e sana a tanti giovani che oggi sono impiegati nel settore con collaborazioni non proprio ortodosse.
A Taranto ci sono moltissime strutture e luoghi legati al mondo della cultura e dello spettacolo,dall’Orchestra della Magna Grecia al CREST, al ri-nascente teatro Tarentum,agli importanti teatri “storici” della città come l’Orfeo,ai festival musicali,cinematografici,agli importanti eventi come il Festival della Valle d’Itria:a nostro avviso è necessario però cambiare passo,facendo della cultura e dello spettacolo una vera occasione di rilancio del settore e della città,creando occasione di lavoro stabile e duraturo per i tanti giovani.
Per questo riteniamo opportuno aprire una “vertenza cultura” a Taranto e chiediamo a tutti i soggetti di iniziare insieme un percorso di confronto con azioni concrete da apporre perché così potremo realmente contribuire a dare un’altra occasione di sviluppo alla città.Segr. Gen.le SLC CGIL Taranto
Andrea Lumino

Slc Cgil Puglia