Archivi Autore: Carmela Moretti

Neruda di Pablo Larraín

Neruda, cantore d’amore. Neruda la star. Neruda, anima e voce del comunismo. Come si può tradurre in un film tutta questa complessità? L’opera del regista cileno Pablo Larraín ci riesce. Non puro biografismo, come ci si aspetterebbe dalla locandina minimalista, con il cognome dell’artista stampato a caratteri cubitali su uno sfondo nero- ma una prova registica ben più strutturata. Un ...

Leggi Articolo »

“Inferno” di Ron Howard

Con Tom Hanks, Felicity Jones, Ben Foster, Omar Sy, Irrfan Khan, Sidse Babett Knudsen, Fausto Maria Sciarappa, Ana Ularu. Gli affamati di thriller hanno pane a sufficienza per i loro denti. Enigmistica, avventura, atmosfera apocalittica e ritmo sostenuto: c’è tutto questo in “Inferno”, film epico del regista statunitense Ron Howard, tratto dall’omonimo romanzo di Dan Brown. Ancora un volta torna ...

Leggi Articolo »

Il teatro onora la prima martire del giornalismo

“Lènor” di Carlo Bruni e l’ottima Nunzio Antonino, in scena a Santeramo in Colle nell’ambito della rassegna La bella stagione. Le poche donne che sono entrate a far parte con grande ritardo della cultura e della storia italiana -poche non per scarsità di talento, ma per evidenti logiche di potere- sono una più affascinante dell’altra. Da Artemisia ad Alda Merini, ...

Leggi Articolo »

La bella stagione è a Santeramo in Colle

Sedici spettacoli dal vivo e un ciclo di incontri tematici per valorizzare il territorio di Santeramo in Colle, cuore del Parco dell’Alta Murgia. È questo lo spirito che anima la rassegna “La bella stagione”, in programmazione dal 27 agosto al 16 dicembre 2016. Eventi di teatro, danza, musica e poesia si articoleranno tra il teatro Il Saltimbanco, la Masseria Galietti, ...

Leggi Articolo »

A ME MI PIACE IL JINGLE

Per molti gli spot sono l’occasione per alzarsi dal divano, stiracchiarsi il corpo e bere un bicchiere d’acqua, prima di ritornare a tuffarsi nella suspense di un film. Pochissimi sadici (me compresa) si fanno servire da un parente quel rinvigorente bicchiere d’acqua, pur di non perdersi una sola pubblicità televisiva. Odiate, detestate e criticate aspramente, solo a una piccolissima fetta ...

Leggi Articolo »

“Maccaroni!”, un fumetto sull’immigrazione italiana

Dal 1 aprile 2016, “Maccaroni!” è in bella vista in tutte le librerie di fumetti del Belgio e già ha conquistato l’attenzione della Francia. L’anno di uscita non è casuale. Questa pubblicazione si inserisce nell’ambito della commemorazione di due eventi che ci toccano da vicino: l’accordo italo-belga del 1946 e la tragedia di Marcinelle. Già alcuni anni fa, « Marcinelle ...

Leggi Articolo »

Se la legge non ammette ignoranza, l’ignoranza non ammette la legge

Grande ritorno in scena della coppia Mimmo Mancini e Paolo De Vita, con un’anteprima al cine-teatro Royal Lo spettacolo “Se la legge non ammette ignoranza, l’ignoranza non ammette la legge” è uno specchio deformato del popolo italiano, furbetto, pavido e approfittatore.  Il bitontino Mimmo Mancini e il barese Paolo De Vita si sono incontrati per caso a Roma circa 25 ...

Leggi Articolo »

Giovanni Cioni, Mauthausen e il documentario italiano

È uno tsunami che da alcuni decenni sta sconvolgendo le acque calme del cinema italiano. Parliamo del documentario o altrimenti detto cinema del reale; i registi che decidono di scarpinare lungo le strade impervie di questo genere, misurandosi con un linguaggio più libero e sperimentale, ci offrono i prodotti più degni di interesse nel panorama cinematografico della nostra Penisola. Non ...

Leggi Articolo »

Ciao, artista!

Cominciamo, ancora una volta, con una protesta sulla traduzione insensata di alcuni titoli italiani. Com’è possibile che “Salut, l’artiste” (alla lettera “Ciao, artista) nella nostra Penisola sia diventato “L’idolo della città”? Di quale città si parla, visto che Parigi nel film è appena tratteggiata? No, non riusciamo a rassegnarci a questo titolo da commediola da quattro soldi. Chiusa parentesi. Nel ...

Leggi Articolo »

Bif&st 2016 dietro le quinte

   È stata un’edizione monca quella del Bif&t 2016. Innanzitutto, per l’enorme vuoto lasciato dal presidente Ettore Scola, la cui scomparsa improvvisa ha costretto a rivedere il programma in fretta e furia. Poi, non è passata inosservata l’assenza della sezione “Panorama internazionale”, che l’anno scorso aveva fatto sbarcare a Bari personalità come Alan Parker e Costa Gavras. Nessun ospite dall’estero ...

Leggi Articolo »